Tutti sanno che la pelle si abbronza attraverso l'esposizione alla luce solare naturale e artificiale. Anche i vocaboli UV-A, UV-B e melanina sono largamente noti. Ma in pochi conoscono i meccanismi dell’abbronzatura cutanea e il ruolo dei diversi tipi di luce e della melanina. Il processo avviene letteralmente sotto pelle.

La chiave dell’abbronzatura risiede nelle differenti caratteristiche dei raggi UV-B a onde corte e dei raggi UV-A a onde lunghe. Per un'abbronzatura attraente e duratura necessitiamo di entrambi. I raggi UV-B contengono più energia, aumentano la produzione di melanina e provocano un ispessimento dello strato corneo della cute che funge da protezione solare naturale ma l’abbronzatura si ottiene solo quando la melanina viene colorata dai raggi UV-A con l'aiuto dall’ossigeno. Il segreto dell’abbronzatura quindi risiede nell’interazione tra raggi UV-A e UV-B.

La cute umana si compone di diversi strati. I raggi UV-A che colpiscono la nostra pelle penetrano fino al tessuto connettivo e al derma. Nello strato germinativo, lo strato più profondo dell’epidermide, risiedono i melanociti, responsabili della produzione del pigmento melanina. La melanina sale fino alla superficie cutanea e qui si incontra con i raggi UV-A e l’ossigeno che, attraverso il sangue, giunge alle cellule cutanee, si genera così una reazione che fa sì che la melanina venga colorata e la pelle assuma la tanto desiderata abbronzatura. Tale fenomeno viene denominato pigmentazione diretta.

La pigmentazione indiretta si svolge in maniera un po’ differente e in essa sono i raggi UV-B a rivestire il ruolo principale. Già a piccole dosi i raggi UV-B stimolano nei melanociti la produzione di melanina. Grazie a ciò giunge complessivamente più melanina sulla superficie cutanea e i raggi UV-A e l’ossigeno abbronzano la pelle attraverso la pigmentazione diretta in maniera molto più intensa.

Quindi, mentre i raggi UV-A sono responsabili dell’abbronzatura più immediatamente visibile, i raggi UV-B fanno si che l’abbronzatura sia più intensa e duratura. Gli apparecchi abbronzanti, dei moderni centri solari, offrono raggi UV-A e UV-B 365 giorni all’anno, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche e sempre con lo stesso dosaggio. Fatevi consigliare dal personale competente del vostro centro solare. Qui scoprirete anche il vostro tipo di pelle, la tipologia di lettino e i tempi di esposizione più adatti a voi.